FORGOT YOUR DETAILS?

Primi passi dei corsisti sugli Immobili

da / Wednesday, 22 February 2012 / Pubblicato in Blog

Con grande piacere e orgoglio questa settimana intervistiamo Pierluigi Siviero che ha partecipato al nostro corso immobiliare che ci racconta un po’ i suoi primi passi nel mondi degli investimenti in immobili dopo il corso. Pierluigi non ha perso tempo e ha cominciato subito con la sua prima operazione scegliendo, tra le tecniche insegnate, quella della cessione del preliminare. Gli abbiamo fatto qualche domanda che condividiamo con piacere con i lettori del blog.

1) Complimenti per la tua prima operazione immobiliare, ci racconti meglio cosa hai fatto?
Dopo il corso, per una questione di comodità, ho voluto sondare la mia zona di residenza.
Seguendo i consigli del relatore, ho fatto delle ricerche sui siti web delle varie agenzie immobiliari.
Ho preso in considerazione bilocali e i trilocali con un prezzo massimo di 75.000 euro. La cifra è strettamente legata ad una media degli affitti per questo tipo di immobile sulla zona di Novara. Come imparato al corso, l’affitto va a determinare la rendita sull’investimento, ho tenuto il margine consigliato del 6%.

Ne ho visionati virtualmente diversi, dopo di che, ho focalizzato il mio interesse su un trilocale di circa 85 mq. con cantina, 2^ piano con ascensore, stabile anni 60/70, riscaldamento centralizzato, zona ben servita (farmacia, scuola, supermercato, fermata autobus sotto casa) prezzo richiesto 67.000 euro.
Chiamo l’agenzia e fisso un appuntamento, mi ero preparato una lista di domande che, con i consigli ricevuti al corso, mi hanno aiutato a fare una valutazione.

Prima opzione: vado all’atto (come 2^ casa), intervengo con una ristrutturazione “decorosa” + le varie spese amministrative, occorrono circa 18/20.000 euro + il costo dell’alloggio andiamo a 97.000 euro, faccio due conti ed il massimo spendibile con un affitto (non arredato) di 400/450 euro mese, sono 80.000 euro.

Seconda opzione: tutto come sopra ma, intervengo con una ristrutturazione “essenziale” ed i costi diminuiscono di circa 7/8.000 euro.

Terza opzione: cedo il compromesso.

Alla fine faccio l’offerta a 55.000 euro, lascio la caparra di 3.000 euro e fisso l’atto a fine giugno con il vincolo del mutuo. Dopo qualche giorno il cliente accetta.

2) Hai ben chiare le prossime mosse per questo primo investimento?
Il passo successivo è la cessione del compromesso ad un prezzo lordo di 15.000 euro trattabili fino ad un max di 10.000 euro. Se così fosse realizzerei un guadagno di 8.000 euro, in quanto devo detrarre 2.000 euro di commissioni di agenzia. Se fosse così, non male, quattro volte l’investimento!!!

Qualora non riuscissi a cedere il compromesso vado all’atto ed affitto, aspetto con calma e posso sempre provare a rivendere.
Nel frattempo ho pubblicato degli annunci su tre portali specializzati e qualcosa si sta muovendo sia come richieste di privati che agenzie.
Queste ultime propongono di collaborare con la vendita senza versare commissioni da parte mia.

3) Quali sono i tuoi obiettivi nel campo immobiliare?
I miei obiettivi nel campo immobiliare sono quelli di tradare nell’arco dell’anno 10/15 cessioni di compromesso. Certo che se riuscissi a concretizzare nel breve la prima operazione avrei più liquidità per le future, anche perché ho già visionato altri immobili.
Inoltre, prenderò in seria considerazione la piazza di Milano.
Per le prossime operazioni, cercherò di non andare oltre i 2.000 euro di acconto e se non dovessero bastare cercherò qualche socio.

4) Com’era la tua esperienza immobiliare prima di venire al corso di Classe Quattro?
La mia esperienza prima del corso era di tipo “tradizionale”, volevo già da tempo approfondire il mercato immobiliare con un altro approccio ma per diversi motivi rimandavo.

5) Cosa pensi che ti abbia dato il corso?
Il corso fatto mi ha ampliato l’angolo di visione delle cose e la consapevolezza delle opportunità che si possono cogliere.
Non ho ancora una visuale a 360 gradi, mi manca l’esperienza e devo farmi l’occhio su certi parametri, però il corso, tra l’altro molto pratico, ha determinato una svolta molto importante.
E’ un business che mi piace !!

****

Grazie Pierluigi per aver condiviso con noi questa tua prima esperienza e in bocca al lupo per le tue future operazioni immobiliari!

“Operare con gli Immobili”, il primo corso in Italia sugli investimenti immobiliari pratico e concreto dove si trovano le opportunità di investimento immobiliare durante il corso!

2 Commenti to “Primi passi dei corsisti sugli Immobili”

  1. Keanyou says : Reply

    Ottimo Pierluigi!
    Mi chiedevo se una simile strategia sia valida anche nelle grandi città come Roma e Milano, dove con meno di 200.000 euro un appartamento non si compra.
    In questi casi non risulta troppo oneroso e rischioso la cessione del compromesso se non si ha una buona disponibilità economica?

    • Anonymous says : Reply

      Ciao Keanyou, se uno punta a fare solo la cessione del compromesso effettivamente è meglio farlo su immobili non troppo onerosi per poter operare con caparre basse. Tuttavia se la cessione del preliminare è inserita in una strategia più ampia dove, come fa Pierluigi, nel caso di mancata rivendita della casa la compri per affittarla temporaneamente, si può fare con immobili anche più costatosi. Fermo restando comunque che i numeri per l’investimento ci devono sempre essere.

Leave a Reply

TOP